Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello

NOTA METODOLOGICA

Roma lì 1 ottobre 2001

Oggetto: Rideterminazione dei trasferimenti erariali delle province

1. Premessa

Ai fini della riquantificazione dei trasferimenti erariali delle province è stato provveduto ad operare le detrazione tenuto conto dei seguenti parametri:

- la detrazione relativa al passaggio del personale ATA allo Stato e quella relativa ai maggiori introiti dell'addizionale sui consumi dell'energia elettrica è da effettuare solo in relazione ai trasferimenti erariali spettanti al momento della riduzione escludendo la possibilità di completare la compensazione a valere sui trasferimenti previsti da norme successive;

- le detrazioni riferite all'imposta erariale di trascrizione e all'imposta sulle assicurazioni RC auto è da effettuare a valere su tutti i trasferimenti spettanti alle province anche se derivanti da norme successive al decreto legislativo n. 446 del 1997.

Premesso quanto sopra, ai fini della comprensione della metodologia di rideterminazione dei trasferimenti in argomento occorre rappresentare che:

1)  la quantificazione dei contributi erariali ha subito delle modifiche nel corso degli anni 1999, 2000 e 2001 dovute ai contributi erariali stabiliti una tantum e, quindi, non consolidati per gli anni successivi con particolare riferimento al contributo ordinario;

2) il contributo per lo sviluppo degli investimenti viene rideterminato ogni anno in relazione alle estinzione dei mutui ed elle variazioni che intervengono sulle rate di ammortamento dei mutui stessi..

In relazione a ciò si è reso necessario riquantificare le base di calcolo del contributo ordinario e dello sviluppo investimenti per ciascuno degli anni 1999, 2000 e 2001. Di conseguenza le detrazioni operate sono state riquantificate al fine di accertare con esattezza l'eventuale quota non recuperata.

In ultimo si fa presente che non è possibile corrispondere gli eventuali conguagli spettanti per gli anni 1999 e 2000 a carico degli stanziamenti di bilancio dei citati anni in quanto i fondi occorrenti sono stati assegnati sugli stanziamenti dell'anno 2001. Pertanto verrà provveduto ad operare le modifiche dei trasferimenti erariali spettanti per i citati anni 1999 e 2000. Le partite contabili negative o positive scaturenti dalla citata rideterminazione verranno risolte in sede di quantificazione dei contributi erariali spettanti per l'anno 2001.

2. Modalità per la rideterminazione dei trasferimenti erariali anno 1999.

Si evidenzia la seguente metodologia:

- contributo ordinario attribuito per l'anno 1999 comprensivo del contributo ordinario di base e dei contributi aggiuntivi attribuiti per l'anno 1999 (contributo ordinario di base + contributo parziale restituzione taglio Dini + contributo per la mobilità del personale + contributo a favore delle province di Catanzaro, Forlì e Vercelli + contributo trasferimento fondi edilizia scolastica + contributo integrativo enti sottodotati anno 1999 e 1998).

- attribuzione sul contributo ordinario per il citato anno della restituzione del gettito dell'imposta R.C.A. riferito al primo bimestre dell'anno 1999.

-applicazione delle detrazioni per i gettiti delle imposte R.C.A. e I.E.T preliminarmente sul contributo ordinario;

- applicazioni delle detrazioni che non hanno trovato capienza sul contributo ordinario sugli altri contributi a qualsiasi titolo dovuti;

- determinazione delle eventuali quote non recuperate per insufficienza dei trasferimenti erariali;

- determinazione dei conguagli e/o delle eventuali detrazioni da effettuare per il citato anno quale differenza tra l'ammontare complessivo delle spettanze attribuite e quelle rideterminate. Gli importi così determinati vengono accantonati per il successivo caricamento nella spettanza 2001.

2.1 Modalitàper la rideterminazione dei trasferimenti erariali anno 2000.

Si evidenzia la seguente metodologia:

- contributo ordinario attribuito per l'anno 2000. Tale contributo è quantificato sulla base di quello determinato per l'anno 1999 detraendo dallo stesso tutti i contributi una tantum (restituzione parziale taglio Dini e restituzione gettito R.C.A primo bimestre dell'anno 1999) e aggiungendo i contributi attribuiti per l'anno 2000 ( contributo integrativo enti sottodotati anno 2000). Sono state inoltre operate le eventuali variazioni sulla mobilità del personale ove rispetto all'anno 1999 il valore abbia subito delle variazioni.

- rideterminazione del contributo per lo sviluppo investimenti in relazione alle variazioni intervenuto sui mutui assunti negli anni 2000 e precedenti;

- applicazione detrazione R.C.A. e I.P.T. sul contributo ordinario. Tali detrazioni sono state rideterminate in relazione alla variazione intervenute sull'ammontare complessivo del contributo ordinario;

- applicazione sul contributo ordinario della detrazione per i maggiori introiti dell'addizionale energetica e per il passaggio del personale scolastico ATA allo Stato;

- applicazioni delle detrazioni che non hanno trovato capienza sul contributo ordinario sugli altri contributi a qualsiasi titolo dovuti;

- determinazione delle eventuali quote non recuperate per insufficienza dei trasferimenti erariali;

- determinazione dei conguagli e/o delle eventuali detrazioni da effettuare per il citato anno quale differenza tra l'ammontare complessivo delle spettanze attribuite e quelle rideterminate. Gli importi così determinati vengono accantonati per il successivo caricamento nella spettanza 2001.

2.1 Modalità per la rideterminazione dei trasferimenti erariali anno 2001.

Si evidenzia la seguente metodologia:

- contributo ordinario 2000 al netto dei contributi una tantum (base per l'applicazione delle detrazioni per i maggiori introiti dell'addizionale energetica e per il passaggio del personale scolastico ATA);

- applicazione sul contributo ordinario base 2000 della detrazione per i maggiori introiti dell'addizionale energetica e della detrazione per il passaggio del personale scolastico ATA allo Stato nello stesso importo dell'anno 2000 (consolidamento della detrazione); L'eventuale differenza negativa non viene considerata ai fini dei successivi calcoli.

Operate le detrazioni suddette viene provveduto alla determinazione contributo ordinario spettante per l'anno 2001 nel seguente modo:

- Contributo ordinario al netto delle detrazioni enel e ATA, attribuzione dei contributi attribuiti per l'anno 2001 dalla legge n. 388 del 2000, dal decreto legge 392 del 2000 e dalla legge n. 290 del 2000;

Sempre sul contributo ordinario spettante per l'anno 2001 sono state aggiunti quei contributi attribuiti per l'anno 2000 ( restituzione parziale taglio Dini e maggiorazione fondi per l'edilizia scolastica). Ciò in quanto come già chiarito nella premessa non è possibile operare alcuna modifica sulle spettanze degli anni 1999 e 2000 essendo stati definiti gli importi spettanti per ciascun anno ed impegnati con apposita clausola di ordinazione della spesa intestata all'ante beneficiario.

- applicazione della detrazione dei gettiti R.C.A. e I.P.T. sul contributo ordinario spettante per l'anno 2001 .Tale detrazione è stata rideterminata in relazione alla variazione dell'ammontare del contributo ordinario;

- rideterminazione del contributo per lo sviluppo investimenti in relazione alle variazioni intervenuto sui mutui assunti negli anni 2000 e precedenti;

- applicazioni delle detrazioni che non hanno trovato capienza sul contributo ordinario sugli altri contributi a qualsiasi titolo dovuti; La detrazione dei maggiori introiti dell'addizionale energetica e la detrazione per il passaggio del personale scolastico ATA sono applicate sul contributo consolidato e sul contributo perequativo nello stesso importo dell'anno 2000. Relativamente a quelle applicate sullo sviluppo investimenti le stesse sono state riquantificate ove l'ammontare complessivo del trasferimento spettante per l'anno 2001 abbia subito una riduzione rispetto allo stesso ammontare dell'anno 2000. Ciò al fine di determinare l'esatto ammontare dei gettiti non recuperati.

- determinazione delle eventuali quote non recuperate per insufficienza dei trasferimenti erariali;

Infine si fa presente che il contributo per le funzioni trasferite verrà erogato senza operare le detrazioni per i gettiti delle imposte R.C.A. e I.P.T. per le quote non recuperate sugli altri trasferimenti. Le stesse verranno trattenuto nell'anno 2002.

IL DIRETTORE CENTRALE
(Dr. S.Daccò)